Gioco, Notizie, Trailer
25/08/2022

The Devil in Me: Quattro novità che vi aiuteranno a sopravvivere

Questo autunno, siete invitati in un hotel che vi toglierà il respiro.

 

The Devil in Me è il quarto gioco dell'antologia di The Dark Pictures Anthology, e il finale della prima stagione. 

 

Pre-ordina ora

 

 

Creata da Supermassive Games e Bandai Namco Europe, The Dark Pictures è un'antologia di giochi horror di stampo cinematografico. Ciascuna delle storie è basata su eventi realmente accaduti e si ispira a un diverso filone dell'immaginario horror, dalle navi fantasma ai processi alle streghe, fino a creature dell'oltretomba... e serial killer. 

 

Ogni avventura viene presentata dal misterioso Curatore, che accoglie il giocatore nel suo archivio. Il suo ruolo è annotare e commentare i vostri progressi mentre tentate di salvare un cast di cinque personaggi, ciascuno con una personalità ben definita. Qualora le vostre scelte dovessero condurli alla morte, non mancherà di sferzarvi con il suo lugubre umorismo. Il Curatore tornerà in The Devil in Me, con nuovi assi nella manica.

 

Il gioco è ispirato alla figura di H. H. Holmes, un personaggio realmente esistito, noto per aver realizzato un hotel passato alla storia come il Castello della morte. Dopo aver studiato medicina all'università del Michigan, specializzandosi in anatomia, nel 1886 Holmes si trasferì a Chicago e costruì il World's Fair Hotel, un enorme edificio pieno di passaggi segreti, stanze nascoste e trappole mortali pronte a ghermire gli ignari ospiti. Al processo, Holmes confessò 27 omicidi, ma si ritiene siano stati molti di più. 

 

Il suo Castello della morte ha ispirato l'hotel in cui è ambientato The Devil in Me.

 

Nel gioco, i membri di una piccola società di produzione televisiva, la Lonnit Entertainment, affrontano una crisi finanziaria e creativa nel realizzare l'ultimo episodio di una serie sui serial killer americani. A sbloccare la situazione arriva un invito da Granthem Du'Met, un ricco architetto e collezionista.

 

L'uomo comunica loro di aver ereditato da un parente appassionato di serial killer un hotel le cui camere riproducono fedelmente quelle del Castello della morte.

 

Intrigata, la troupe raggiunge la sperduta isola dove sorge la struttura.

 

 

⬤ Componente esplorativa estesa ⬤

 

Nei giochi dell'antologia di Dark Pictures, è sempre stato necessario esplorare gli scenari per svelarne i mortali segreti. The Devil in Me fa un ulteriore passo in avanti, offrendo una serie di possibilità inedite per interagire con l'ambiente. 

 

Oltre a spingere e tirare gli oggetti per aprire passaggi o sfuggire ad alcune situazioni di pericolo, le nuove abilità consentiranno di arrampicarsi per raggiungere aree inaccessibili, infilarsi nei passaggi più angusti per accedere a stanze segrete, saltare baratri, tenersi in equilibrio su travi e alberi caduti, e molto altro.

 

Infine, è stata aggiunta la possibilità di correre, oltre che camminare, consentendo di esplorare gli scenari al ritmo più congeniale.

 

tdim_screenshot

 

⬤ Maggiore durata dell'avventura ⬤

 

Per un documentario come si deve servono diverse ore di girato, giusto? Ottimo, perché esplorare ogni anfratto dello spettrale hotel richiederà del tempo. Nei primi giochi della serie, come Man of Medan o Little Hope, occorrevano circa cinque ore per giungere all'epilogo.

 

Qualcosa in più in House of Ashes. Per vivere appieno gli orrori del Castello della morte serviranno invece almeno sette ore.

 

Resta da vedere se tutti ne usciranno vivi...

 

tdim_screenshot

 

⬤ Oggetti unici ⬤

 

Per affrontare un genio del crimine nel suo castello e giungere vivi all'alba bisogna aguzzare l'ingegno. Una delle nuove caratteristiche di The Devil in Me è la presenza di un semplice inventario nel quale conservare gli strumenti trovati nel corso della storia, che includono un oggetto specifico per ciascun personaggio. 

 

Kate (Jessie Buckley), per esempio, può usare la sua matita per annerire i fogli di carta, evidenziando messaggi nascosti. Charlie ha con sé un biglietto da visita utile per aprire le serrature dei cassetti, mentre Jamie può riparare i quadri elettrici con il suo multimetro. Mark ha una videocamera di cui può servirsi per raccogliere prove dei crimini. Erin, infine, può ricorrere al suo microfono direzionale per sentire attraverso i muri.

 

Alcuni di questi oggetti possono essere modificati, persi, ceduti ad altri personaggi, o anche rompersi. Il modo in cui vengono usati può cambiare in modo radicale la storia, causando la morte di qualcuno o evitandola, quindi meglio riflettere prima di agire. 

 

tdim_screenshot

 

Enigmi 

 

L'hotel è un vero e proprio labirinto di corridoi, botole e passaggi segreti. L'assassino ama giocare con le sue vittime, quindi per uscire vivi dall'incubo sarà necessario batterlo in astuzia. 

 

Tra le novità di The Devil in Me figura anche la presenza di enigmi di ogni genere, come codici da decifrare, quadri elettrici da riparare o diabolici labirinti. Con un pizzico di spirito d'osservazione, in giro per l'hotel sarà possibile trovare degli indizi, ma bisognerà essere pronti a tutto per evitare che qualcuno muoia. Rilassante, vero?

 

tdim_screenshot

 

Tenete a mente questi consigli, e state pronti a mettere alla prova le vostre capacità di sopravvivenza all'inaugurazione dell'hotel: il lancio di The Devil in Me su PlayStation, Xbox e PC è previsto per il 18 novembre 2022

 

 

I pre-ordini della versione digitale sono aperti! Prenotate il vostro soggiorno, vi divertirete da morire.

 

Pre-ordina ora

 

Per maggiori informazioni su The Devil in Me, scopri le ultime notizie!

THE DARK PICTURES: THE DEVIL IN ME

Data di rilascio:
Descrizione:

Una serie di giochi horror indipendenti con narrativa ramificata dallo sviluppatore di Until Dawn. Un'esperienza adatta a brevi sessioni, da soli o con gli amici. The Devil in Me è il quarto episodio della serie, finale della prima stagione.

Piattaforme:
PS4
-
PS5
-
Xbox One
-
Xbox Series X
-
PC